Titolo : La storia che volevamo
Autore : Marion Seals
Casa Editrice : Hope Edizioni

LA STORIA CHE VOLEVAMO – MARION SEALS

Ho appena finito di leggere LA STORIA CHE VOLEVAMO di Marion Seals e quello che ho vissuto in questi due giorni impiegati a leggerlo, è stato qualcosa di emozionante. Sul mio ereader ho altri libri di questa autrice ma non li ho ancora letti, questo è stato il primo e devo dire che, come inizio, è stato perfetto.

Marion Seals è stata una bellissima sorpresa, la sua scrittura è fluida e priva di errori, scritto in prima persona con i pov alternati dei due protagonisti principali, ha imbastito una storia con personaggi unici, non posso che complimentarmi con lei.  Questa è una di quelle volte che pur disponendo del libro in formato digitale, so già che me lo comprerò anche cartaceo.

 

 

          A un tratto mi sembrò che si stesse piegando verso di me, ma così lentamente che forse era solo                     

         una mia fantasia. Trattenni il fiato e lui sorrise. Perduta.

 

 

L’autrice ha dato un valore ed un significato molto importante a questo libro, ha parlato delle discriminazioni che esistono e non smetteranno mai di esistere verso le persone meno fortunate e le ha descritte non in modo duro o trasmettendoci angoscia ma rendendoci semplicemente consapevoli di quello che accade a tante persone nella vita di tutti i giorni.

Avrei dato un infinita’ di stelline a questo libro ma il massimo è cinque e cinque le prende tutte.

Cosa ho amato di La storia che volevamo? Tutto.

 

 

           Nella Fatina c’era qualcosa di pericoloso, pericoloso per me, lo avevo intuito, e non potevo              

           assolutamente rischiare.

 

 

La storia, di cui sopra ho accennato la trama,  è diversa dalle solite dello stesso genere, certamente parla di college, di football e di quello che accade in un campus universitario,  ma tratta anche di ben altro,  differenze di ogni genere, disagio, bullismo.

Fatina ed Ego. Quali nomignoli sono stati più azzeccati? Ego, le prime tre lettere della parola egoista, anche se non lo è poi molto, e Fatina perché Dawn lo è davvero.

Dawn Riddle è il mio esempio di protagonista preferita, ebbene sì, non amo quelle che fanno le dure, sicure di se, sempre perfette e senza peli sulla lingua no, io adoro quelle come lei. Dawn, ma la chiamerò Fatina, con la prima lettera maiuscola, è la timidezza in persona, è la ragazza acqua e sapone che ha vissuto una bruttissima infanzia e nonostante tutto non si  è mai scoraggiata, anzi, con le sue  doti, la sua bravura a scuola e la sua bontà  è andata avanti a testa bassa nonostante tutte le cattiverie che da anni la gente le ha buttato addosso e  senza mai reagire in malo modo ma costruendosi una barriera contro tutto e tutti.  

Fatina è una ragazza  albina piena di problemi economici, fisici e caratteriali ma,  nonostante questo,  non ha mai fatto sì che questi prendessero il sopravvento sulla sua vera natura.

Gregory, detto Ego, lui è l’esatto contrario di Fatina. Anche lui con un brutto passato alle spalle,  non ha però reagito come lei ma al contrario, ha voluto stare dalla parte dei cattivi.

Arrabbiato per tutto quello che gli è capitato, Ego è duro ed anaffettivo, è concentrato solo su se stesso,  il suo obiettivo è quello di giocare nella Nfl e farà di tutto per arrivarci calpestando anche chi non se lo merita.

 

 

                  Mi aveva fissato e sul suo viso non c’era più quello sguardo che mi riservava ogni volta. Non                 

                  avrei mai saputo spiegarlo a parole, ma era come se la sua luce si fosse spenta e io … io ero

                  di nuovo al buio.

 

 

Si potrebbe pensare che Ego sia pessimo, invece no, perché, nonostante sapessi cosa pensava e come si comportava, non l’ho mai odiato anzi l’ho amato al pari di Fatina.

Due protagonisti che hanno vissuto momenti brutti e che hanno reagito in modo differente, lei chiudendosi in se stessa e con un’unica amicizia, fragile e con pochissima autostima, invece lui, è pieno di se’, arrogante ed impulsivo con un livello di rabbia enorme.

Chi poteva prendersi cura di una Fatina se non lui, la fragilità e la forza, l’agnello ed il lupo.

#ceunafatanelmioletto.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama,

LA STORIA CHE VOLEVAMO – MARION SEALS

Dawn frequenta l’università grazie ad una borsa di studio, vuole laurearsi e poi specializzarsi in Paleontologia, la sua passione, di cui segue un corso nel museo della cittadina dove vive. È una ragazza molto timida, passa le sue giornate frequentando i corsi universitari e studiando. Ha difficoltà a rapportarsi con le persone a causa del suo aspetto fisico e delle sue tante paure dovute a problemi d’infanzia.

Gregory frequenta l’ultimo anno di università ed il suo obiettivo è quello di diventare una stella della NFL. Bravissimo Wide receiver della squadra universitaria, farà di tutto per raggiungere il suo obiettivo. Anche lui segnato da una brutta infanzia, ha però deciso di voler essere un vincente ma la sua cattiva reputazione lo precede. Cosa succederà quando i due ragazzi si incontreranno?

LA STORIA CHE VOLEVAMO – MARION SEALS
Buona lettura, Sonia.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?