Debora C. Tepes
DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Debora C. Tepes

Ciao Debora! Come sai, ho letto e recensito la tua ultima creatura Eternal Night.

Adesso ci piacerebbe sapere qualche curiosità su Debora autrice e sul tuo romanzo.

1. Eternal night, come i tuoi precedenti libri Javier e Cattleya, ha delle tematiche abbastanza forti. Cosa ti ha spinta a scrivere situazioni così oscure? Cosa ti ha
ispirata?

Ricordo che sin da bambina sono sempre stata affascinata da tutto ciò che è dark e oscuro, guardavo film come Donnie Darko, e mi appassionavo a
quelle realtà così lontane, eppure magnetiche. La mia vena dark è sempre vissuta dentro me e con ET è emersa più che mai.

2. Ho letto, purtroppo, alcune critiche riguardo alla storia di Nadir e Layla perché ritenuta troppo cruda. Come rispondi a riguardo? Queste critiche influiranno sul tuo modo di scrivere?

Alcune critiche sono come polvere al vento, sopratutto
quelle scritte da persone prive di buon senso che non sanno nemmeno motivare le loro recensioni distruttive. Certamente non influiranno sul mio modo di scrivere o sulle mie prossime storie, perchè io sono fiera del mio lavoro, e non obbligo nessuno a leggermi.

3. Quali sono i libri che definiresti “indimenticabili” per te?

Al primo posto sicuramente Proibito della Suzuma, è stato l’unico romanzo che mi ha scaturito delle emozioni così devastanti da farmi piangere per un’intera settimana.

4. Alcune autrici emergenti che scrivono dark o erotic romance si nascondono e si vergognano a far leggere i propri libri ad amici e parenti. Tu cosa ne pensi a riguardo e quale è stata la tua esperienza?

La mia famiglia legge sempre i miei libri, di qualsiasi genere essi siano, non c’è nulla da vergognarsi.

5. Parliamo di Layla. E’ una delle mie protagoniste preferite. Come è nato questo personaggio?

Layla sotto certi aspetti mi assomiglia, il suo essere malinconica e solitaria, tormentata, ma anche impavida.I miei personaggi vivono dentro di me
e quando arriva il momento di raccontare la loro storia, si fanno sentire.

6. Nadir, magnifico Nadir. Hai mai temuto, durante la stesura del libro, che questo protagonista fosse “troppo”?

Nadir è “troppo” perchè è reale, tridimensionale, è
un vero cattivo, la sua personaità è sfaccettata e studiata al limite dell’ossessione. Nadir è un protagonista che forse non è stato compreso da tutti,
è come il personaggio di un thriller, o di un dossier sulla vita di un assassino, lui è “troppo” perchè vero.

7. Nel libro sono presenti alcune espressioni in arabo che vanno interpretate più che tradotte. Ti sei affidata a qualcuno di madrelingua o al buon vecchio google
traduttore?

Mi sono affidata a dei siti di traduzione, gestiti da madrelingua arabi.

8. Per molte lettrici come me, la copertina di un libro è tutto. In base a cosa hai scelto quella di Eternal night? E’ stato amore a prima vista o hai chiesto un parere a qualcuno?

Ho contattato una grafica straniera perchè volevo una cover bomba, una di quelle create con maestria, quasi un ‘opera d’arte. Perchè volevo che la storia avesse il giusto abito. E’ stato amore a prima vista quando mi ha mandato la prima bozza, perchè la grafica aveva inteso al volo la mia richiesta.

9. Hai delle lettrici beta o fai leggere a qualcuno in particolare i tuoi romanzi prima
della pubblicazione?

Dopo l’editing con una professionista, faccio leggere il libro a cinque beta.

10. Sappiamo che hai in programma un nuovo dark romance. Puoi svelarci qualcosa
a riguardo?

Il nuovo dark sarà molto diverso da Eternal Night, avremo tre protagonisti principali, un’ambientazione da thriller, e una storia intricata e
piena di colpi di scena.

DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Debora C. Tepes

Ti ringrazio a nome di tutto il blog di Recensioniyoungadult per il tuo tempo, un
abbraccio da Eleonora!

Recensione