Titolo : FIGHTING SOLITUDE – INCONTRO CON LA SOLITUDINE 
 
Autore : Aly Martinez
 
Casa Editrice : Triskell Edizioni
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Recensione

FIGHTING SOLITUDE – INCONTRO CON LA SOLITUDINE Aly Martinez

Salve readers, oggi vi parlerò del terzo libro della serie On The Ropes di Aly Martinez, Fighting Solitude – Incontro con la solitudine

Le prime due recensioni non le ho scritte io, ma anche io ho letto tutti e tre i volumi di questa stupenda serie. 

Dopo i primi due non sapevo cosa aspettarmi dal terzo, il mio cuore era già stato strapazzato a sufficienza, ma la Martinez è una che ci sa fare davvero con le parole, il livello di introspezione che riesce a far raggiungere ad ognuno dei suoi protagonisti, il modo perfetto in cui riesce a caratterizzarli, fa di lei una new entry nella mia top-ten di autrici preferite. È spettacolare!

“-Mia!-urlai. Era inutile. Era sempre stata sorda, sin dal giorno in cui l’avevo conosciuta. 

Non aveva mai sentito la mia voce. Non aveva mai sentito il brontolio profondo della mia risata quando era eccitata, che segnava così velocemente che facevo fatica a starle dietro. 

Non aveva mai sentito il sospiro soddisfatto che emettevo quando si infilava nello spogliatoio dopo un incontro… la sua presenza, da sola, riusciva a calmare la rabbia persistente che mi ribolliva dentro. 

Non mi aveva mai sentito sussurrarle all’orecchio le mie paure più grandi, mentre si addormentava sopra di me. Non aveva mai sentito la riverenza con cui gridavo il suo nome ogni volta che la possedevo.”

 

Ho letto i primi due volumi in meno di ventiquattro ore, poi ho dovuto aspettare una settimana per avere in mano il terzo, ma credetemi l’attesa è valsa la pena. 

Ho adorato Till, la sua determinazione, il suo senso delle responsabilità e le sue fragilità, ho amato Flint in ogni sfaccettatura del suo carattere dai ringhi scontrosi  ai sorrisi seducenti, ma Quarry “Pugno di Pietra”Page è sicuramente il mio preferito. 

Cresciuto dai fratelli maggiori a causa di genitori assenti ed egoisti, incapaci di occuparsi dei loro figli, il piccolo di casa Page ha imparato presto che nessuno ti regala nulla, men che meno la vita. 

I fatti successi alla sua famiglia hanno lasciato profonde cicatrici nel suo cuore, nella sua anima e nella sua autostima. 

Quarry è un uragano che distrugge chiunque sul ring, ma fuori da lì la sua fragilità è impressionante e quando arriva la morte della sua fidanzata il dolore lo devasta. 

Mya è morta e lo ha tradito, sapeva che sarebbe morta presto, ma non glielo ha detto, ha scelto di vivere i suoi ultimi mesi con lui senza il peso che quella notizia avrebbe avuto su di lui. 

La consapevolezza del “tradimento” di Mya lo ha distrutto, senza di lei anche respirare è difficile, solo Liv la loro migliore amica può capire il suo dolore, ed è vero, è così.

“Insieme…ma completamente soli. Eravamo tutti a casa di Till la sera in cui era stato annunciato l’incontro con Davenport. 

Normalmente, Liv sarebbe stata la prima a esultare e ad abbracciarmi, per poi inveire contro il giornalista dell’ESPN di turno che aveva predetto che avrei perso. 

Ma, quella notte, era rimasta seduta sulla poltrona reclinabile di Till, dall’altra parte della stanza, e aveva segnato:<<Sono fiera di te.>> La mia famiglia stava urlando e festeggiando mentre immagini di me attraversavano lo schermo. Ma non riuscivo a distogliere lo sguardo da lei. 

Avevo trattenuto il respiro mentre scrutavo i suoi occhioni marroni da cerbiatta, consapevole di essere a un solo respiro da un crollo. 

Volevo quella donna più di quanto desiderassi qualsiasi titolo, ma la stavo perdendo. E non sapevo neanche perché.”

Liv James, la migliore amica di Quarry da quando aveva dieci anni, era distrutta dalla morte di Mya quanto lui, si erano conosciute pochi anni prima, ma loro amicizia è diventata subito importante per entrambe. 

Ora il dolore spinge Liv e Quarry ancora più vicini, hanno bisogno l’uno dell’altra.

“Mi lasciò andare e si accovacciò per guardarmi negli occhi. Mantenendo lo sguardo nel mio, giurò:<<Aveva ragione. Nessun’altro al mondo avrebbe potuto tirarmi fuori dall’oscurità come hai fatto tu. 

Non so perché abbiamo dovuto soffrire per arrivare qui, ma le cose ora stanno come avrebbero sempre dovuto essere. 

Non ero mai riuscito a trovare un senso alla sua morte, ma quelle lettere, il modo in cui mi sento ora, consapevole che osso avere tutto di te… Non posso evitare di pensare che forse questo era sempre stato il suo obbiettivo. 

Questa era la follia che dovevamo superare per poter finalmente capire che siamo fatti l’una per l’altro.>>”

 

La capacità della Martinez di trasmettere al lettore il groviglio di sensazioni che i due ragazzi sentono affollarsi dentro è straordinaria. 

Fighting Solitude mi ha fatto trattenere il respiro in attesa che loro capissero, mi ha tenuto in ansia quando gli eventi si sono fatti pericolosi, mi ha fatto sospirare di sollievo quando ho capito chi era davvero quel personaggio che inizialmente sembrava solo marginale. 

Insomma ho adorato Fighting Solitude, ma più in generale ho amato davvero tanto la On The Ropes Series. Non volendo farvi alcuno spoiler no mi resta che invitarvi a leggere l’intera serie, buona lettura, Jenny.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

FIGHTING SOLITUDE – INCONTRO CON LA SOLITUDINE Aly Martinez

Ero nato per lottare. Abbandonato dai miei genitori, ho passato la vita a forgiare il mio cammino, un cammino guidato dai pugni e lastricato di dolore.

Intoccabile sul ring, ho distrutto chiunque mi trovassi davanti, ma le mie vittorie si limitavano a quello. Fuori dalle corde continuavo a deludere le persone che mi amavano. 

Inclusa la mia migliore amica, Liv James, l’unica che avrei protetto a costo della vita. Anche se non la meritavo, Liv non ha mai smesso di credere in me. Non si è mai arresa. 

Non ha mai mollato. Dopotutto, lei capiva ciò che avevo perso, perché lo aveva perso anche lei.Liv era tutto per me, ma non era mai stata davvero mia.
Ma le cose sarebbero cambiate.

Avevo perso il mio primo amore, ma mi rifiutavo di perdere la mia anima gemella.

Ora sto per affrontare una delle battaglie più difficili della mia vita.

Sto lottando per diventare l’uomo che lei merita.

Sto lottando contro la solitudine dei nostri passati.

Sto lottando per lei.

FIGHTING SOLITUDE – INCONTRO CON LA SOLITUDINE Aly Martinez
Buona lettura, JENNY.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?