Titolo : GLI OMICIDI DEI MONUMENTS MEN 
 
Autore : Josh Lanyon
 
Casa Editrice : Triskell Edizioni

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Recensione

GLI OMICIDI DEI MONUMENTS MEN – Josh Lanyon

Questo quarto capitolo della serie L’arte del delitto di Josh Lanyon porterà nuovamente scompiglio nella vita dell’agente speciale Jason West. 

Non basta infatti il pensiero di avere uno stalker  potenzialmente pazzo a perseguitare e minacciare la sua vita, a questo fardello si aggiunge un caso emotivamente importante per Jason: 

deve indagare per verificare che il suo defunto nonno, ed eroe della sua infanzia, non sia stato coinvolto nel furto di oggetti d’arte e, forse, nella distruzione di un dipinto perduto di Vermeer che fa parte del patrimonio culturale mondiale.

Il suo problema era l’affermazione del capitano Thompson secondo cui aveva avuto il permesso di prelevare le opere da un ufficiale in comando, tale Emerson Harley.

Ovviamente, visto il coinvolgimento personale, Jason non dovrebbe investigare sul caso, ma se nessuno collega il suo nome al nome del nonno… 

Una investigazione che potrebbe quindi avere riscontri negativi  sulla carriera di Jason. Quindi cosa fare? 

Chiedere magari aiuto a Sam Kennedy? Ma come potrebbe mai reagire Sam a questa decisione di Jason? Sam in fondo è capace di vedere le cose in bianco e nero quando è altra gente a infrangere le regole. 

E una volta che compari sulla sua lista nera non vi è modo di uscirne. Il dilemma quindi: coinvolgerlo e chiedere consiglio?

La loro relazione non era un segreto, ma non era neanche di dominio pubblico. Ci si aspettava però che sul lavoro riuscissero a contenersi o a trattarsi come colleghi e non come partner di vita. 

Niente abbracci drammatici o frasi come Grazie a Dio stai bene, caro.

Abbiamo quindi una storia emotivamente provante per Jason che si trova in bilico tra mille sentimenti e mille decisioni e dubbi che potrebbero portare allo sfinimento chiunque. 

Emozioni che sono molto ben descritte dalla penna della Lanyon: si capisce perfettamente il tormento e l’ansia che accompagnano Jason per tutto il libro.

La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni West

La Lanyon mette  a dura prova, in questo quarto capitolo, sia la carriera di Jason che il rapporto tra Sam e Jason. 

Riusciranno a superare anche questo ostacolo nella loro relazione, già provata dalla distanza fisica che il lavoro pone tra loro? 

Alcuni aspetti della loro relazione saranno discussi e molti “sassolini verranno tolti dalle scarpe”. Come evolverà quindi il loro rapporto?

Per quanto Sam fosse stato arrabbiato quella mattina, non era possibile che desiderasse quella situazione, non più di quanto la desiderava lui. Era impossibile smettere di amare qualcuno all’istante.

Romanzo scritto con la solita bravura nell’intrecciare la storia d’amore tra i due protagonisti alle indagini investigative senza sovrapporre l’una all’altra. 

Abbiamo anche un contorno di personaggi secondari da non sottovalutare. Un esempio è l’agente e collega di Jason  J.J.: il suo personaggio, se ben sviluppato, in futuro potrebbe portare molto alla serie.

<<West non scherza>> intervenne J.J. dalla porta puntando la pistola <<Si fidi. Quando si tratta di arte non ha alcun senso dell’umorismo>>

Forse non è il migliore dei libri letti finora di questa serie, anche il caso investigativo è stato un po’  meno interessante dei precedenti, ma la qualità è comunque elevata e  ha tenuto alto l’interesse fino alla fine, compreso il colpo di scena finale che lascia a bocca aperta.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

GLI OMICIDI DEI MONUMENTS MEN – Josh Lanyon

Pur avendo puntata addosso l’attenzione di un pericoloso stalker, l’agente speciale Jason West sta facendo del suo meglio per concentrarsi sul lavoro e ignorare i problemi personali.

Il suo caso più recente implica però il coinvolgimento di un membro dei Monuments Men nel furto e, forse, nella distruzione di un dipinto perduto di Vermeer che fa parte del patrimonio culturale mondiale. 

Il capitano di corvetta della Naval Reserve Emerson Harley, oltre a essere stato un eroe della Seconda guerra mondiale, era il nonno di Jason, il suo idolo d’infanzia. 

Anzi, ha giocato un ruolo importante ispirandolo a entrare nella squadra Crimini artistici dell’FBI.

Per Jason, venire a sapere che il leggendario nonno potrebbe aver chiuso un occhio sul fatto che i soldati americani, alla fine della guerra, abbiano “affrancato” opere d’arte inestimabili non è solo spiacevole. È devastante.

Jason è deciso a riscattare il nome del nonno, anche se questo significa infrangere lui stesso un po’ di regole e disposizioni, mettendosi in rotta di collisione con il suo partner nella vita, il capo dell’Unità analisi comportamentale Sam Kennedy.

Nel frattempo, qualcuno nell’ombra temporeggia…

GLI OMICIDI DEI MONUMENTS MEN – Josh Lanyon
Buona lettura, simonA.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?