Titolo : NON SONO SOLO UNA SIGNORA 
 
Autore : Melanie Breath
 
Casa Editrice : O.D.E. Edizioni
il dimagrimento che hai sempre sognato
NON SONO SOLO UNA SIGNORA – Melanie Breath

Salve readers, oggi vi parlerò di Non sono solo una signora, romanzo di Melanie Breath, autrice che non conosco. 

In realtà non so come parlarvi di questo libro, non perché non mi sia piaciuto, ma perché in realtà non so neanche io che sensazione mi abbia lasciato addosso. 

La storia è ben scritta, purtroppo sotto certi aspetti fin troppo attuale, gli eventi ben descritti, ma la continua ripetizione di nomignoli stupidi e l’atteggiamento troppo remissivo, rinunciatario e “sacrificale” della protagonista mi hanno infastidito.

Non sono solo una signora è scritto in modo da tenere il lettore in tensione, in attesa di cosa potrebbe succedere. Il fatto che sia scritto da un unico punto di vista contribuisce non poco a mantenere alta l’attenzione.

“Punto la mia attenzione sulle sue labbra e deglutisco, sentendomi estremamente in colpa per i pensieri impuri che vorticano nella mia testa. 

Non oso immaginare cosa direbbe la gente del paese se potesse leggere nella mia mente in questo momento. 

Credo proprio mi additerebbero come degna erede di mia madre, anche se la maggior parte delle donne avrebbe di sicuro i miei stessi pensieri, forse anche più spinti. 

Io però non sono mai stata come le altre ai loro occhi e sarà così per tutta la vita.”

 

Irene, è una lavoratrice, una madre, una nonna e una moglie abituata a sudarsi ogni cosa nella vita, dal piatto sulla tavola al sorriso delle sue figlie, per lei niente è mai stato scontato o facile, nemmeno l’amore dei suoi genitori. 

Figlia di un piccolo truffatore senza spina dorsale e di una donna facile, che portava a casa sconosciuti di ogni genere e risma, ha imparato presto che nessuno ti regala mai nulla. 

Irene ha conosciuto suo marito a diciassette anni e subito dopo si è ritrovata incinta. Per come la vedeva lei sposarsi era l’unica soluzione per allontanarsi dai suoi genitori e dalla loro indifferenza. 

Ma il lieto fine è durato poco, suo marito con la scusa del lavoro l’ha sempre lasciata sola a badare alle loro gemelle e a guadagnarsi lo stipendio per mantenerle. 

La vita di Irene è costellata di sacrifici e rinunce, poi Manuel compare sulla sua strada e all’improvviso la speranza di poter essere felice le si accende in petto.

“Manuel mi ha baciata dopo avermi chiesto di pensare alla sua proposta, ma adesso desidero solo  continuare  a fantasticare sul nostro incontro. Come un’adolescente. È così che mi sento. 

Come quando non hai l’età giusta per fare determinate cose, ma la tentazione e il piacere che ti sanno dare ti impediscono di agire secondo ragione.”

 

Manuel è molto più giovane di Irene, ricco, bello e con un fisico mozza fiato. 

Ha perso i genitori quando aveva diciotto anni e dopo un periodo burrascoso ha messo la testa a posto diventando l’uomo che suo padre e sua madre avrebbero voluto diventasse. 

Quando incontra Irene, non vede la nonna di una sua allieva, ma solo una bellissima donna che accende i suoi sensi e il suo cuore.

“Un cazzotto  mi colpisce sulla mascella all’improvviso e mi stordisce. Sento il sapore ferroso del sangue nella bocca e m fischiano le orecchie. 

Cerco con lo sguardo una via di fuga, ma vengo completamente assalita dai suoi colpi e, per quanto tenti di difendermi, non riesco a pararne nemmeno la metà. 

Davanti agli occhi mi appare la figura delle mie bambine e il mio unico pensiero è che sto per lasciarle sole. Non voglio morire, non posso farlo senza nemmeno abbracciarle per l’ultima volta.”

 

Non sono solo una signora mette in evidenza come, specie in un piccolo paese del sud, la relazione tra un uomo di circa trent’anni e una donna di quarantacinque, sia mal vista e criticata. 

Irene ha paura che le persone possano pensare male di lei, che possano paragonarla a sua madre, di peggiorare il già pessimo rapporto che ha con Mara, una delle sue gemelle e poi anche se suo marito non ha mai provveduto alla famiglia e non si fa vedere a casa da un pezzo, è comunque una donna sposata. 

E purtroppo è sposata con un uomo meschino e violento, che non mancherà di dimostrarle il suo disprezzo e la sua cattiveria.

Per Manuel farle vedere ciò che lui vede in lei non sarà facile, ma alla fine Irene dovrà ammettere ciò che sente anche se non sa come comportarsi per ottenerlo senza fare male a nessuno. 

Lei sa che Mara non accetterà mai la sua felicità e farà tutto ciò che potrà per ostacolarla, e così sarà.

Non voglio raccontarvi altro per non togliervi il piacere della lettura, io vi ho dato la mia opinione, ora aspetto la vostra, buona lettura, Jenny.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

NON SONO SOLO UNA SIGNORA – Melanie Breath

Irene ha quarantacinque e tanta voglia di riscatto. Non sa che la vita, quella stessa che le ha portato sacrifici, delusioni e qualche gioia, ha ancora in serbo per lei un’opportunità. 

Irene avrà fra le mani il potere di spezzare le catene del passato, ma il suo mondo accetterà il cambiamento o le presenterà il conto?

Estratto: Sarò sempre il suo faro, perché sono sua madre.

E una mamma illumina sempre il cammino dei suoi bambini, anche se significa spegnersi dentro.

NON SONO SOLO UNA SIGNORA – Melanie Breath
Buona lettura, Jenny.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?