Titolo: L’ultima meta
Autrice: Roberta Damiano
Genere: Sport Romance
Casa Editrice: ODE Edizioni
Data Pubblicazione: 24 agosto 2020

Recensione

L’ultima meta - Roberta Damiano

Salve readers, ho aspettato di poter leggere questo libro più di un mese, poi le prime righe mi hanno gelato: un’altra ragazza che nasconde la gravidanza ad un atleta!

Non riuscivo a crederci, l’ultimo con la stessa storia l’ho letto non più di dieci giorni fa, ero decisamente delusa. 

Per fortuna do sempre una possibilità anche a quelli che mi sembrano troppo stereotipati o vecchi clichè, e meno male, perché L’ultima meta non ha niente da spartire col libro a cui l’ho accostato inizialmente, Roberta Damiano ha preso una base piuttosto inflazionata e ne ha fatto una storia, nuova diversa e vincente!

«Cosa pensi di ottenere quando gli avrai dato la notizia? Di renderlo felice? 

Ti sbagli di grosso! Come puoi essere così egoista? Lui ha un futuro brillante tra le mani e tu lo rovineresti impedendogli di portare a termine il suo sogno! Non oserai pronunciare una sola parola! 

Non costringermi a essere cattiva con te.
Sparisci dalla sua vita, elimina il problema o te ne pentirai amaramente!»

Non conoscevo la Damiano come autrice, ma di certo d’ora in poi non mi lascerò sfuggire nulla di suo, una scrittura fluida, fresca, attuale e accattivante.

L’ultima meta racconta la storia di Kristel, ragazzina di sedici anni che si ritrova incinta dell’amore della sua vita, ma prima che lei possa informarlo qualcun altro la convince che per lui sarebbe la rovina, la fine dei suoi sogni, il crollo del suo futuro, e lei ingenuamente prende i pochi spicci che possiede e col suo piccolo in grembo scappa di casa facendo perdere le sue tracce per ben dodici anni.

Non poteva credere a ciò che vedeva. L’afferrò per un braccio mentre con l’altra mano si reggeva alla stampella. 

Non l’avrebbe lasciata andare senza una spiegazione. Kristel si fermò e lo guardò dritto negli occhi. La sua Kristel era di una bellezza assurda. 

I lineamenti del viso erano dolci e delicati, le labbra erano piene e a Ryan venne un’insana voglia di baciarla. Gli occhi marroni e brillanti
lo scrutavano con diffidenza e forse anche un po’ di rabbia.

Era più bassa di lui, e aveva un fisico e delle gambe da urlo. Gli occhi di Coleman lambirono il suo corpo rimanendone ammaliato. 

“La ragazzina è cresciuta bene!” «Kristel» mormorò con voce vibrante. La vide fremere e sbarrare gli occhi. «Credevo…
Tutti credevano che tu fossi morta. Come…?»

Ryan, ha vent’anni quando la sua adorata Kristel sparisce da casa e dalla sua vita, ne soffre, ma alla fine il suo amore per il football lo fa riemergere dalla depressione che quella perdita gli ha causato. 

Quando dodici anni dopo torna a casa in seguito ad un grave infortunio e se la ritrova davanti nel loro paese natale, per di più con un figlio al quale ha dato il nome che si erano ripromessi di dare al loro bambino se mai ne avessero avuto uno, non sa se essere più felice o arrabbiato.

Si divertiva con Ryan, lui lo capiva. 

Lo aveva fatto arrabbiare per la menzogna che aveva raccontato a scuola, ma con il senno di poi, in realtà, aveva dichiarato il vero. Papà. Il suo papà era il miglior giocatore dei Giants. Il suo papà era vivo.

Asciugò le lacrime con i polsi e decise di tornare indietro.

Voleva abbracciare suo padre e chiedere scusa a sua madre per le cattive parole. Ma era arrabbiato.

Tanto. Ma non l’odiava. Si rattristò ricordandosi il modo in cui si era allontanato, lasciandola tra le lacrime. Non voleva vedere la mamma piangere.


Lui era quello forte in famiglia. Le voleva bene e doveva dirglielo. 

Lei lo aveva sempre protetto, insieme avevano riso, pianto, si erano sempre aiutati reciprocamente, aveva fatto tanti sacrifici, a volte rinunciato a mangiare. 

Lei pensava che lui non lo capisse, ma lui capiva eccome se capiva. Si fermò di scatto e fece dietro front per correre da lei.

Le cose fra la Kristel ventottenne e il Ryan trentaduenne si fanno subito complicate, lui della gravidanza non ha mai saputo nulla, ma adesso è fidanzato e sta per sposarsi, lei è ancora in fuga, questa volta dalle assistenti sociali e non solo.

Sulla carta loro due sono un disastro, ma quello che c’è stato fra loro non si è mai spento, lei non ha mai avuto nessun altro, lui non ha mai amato nessun’altra, ma ora come allora c’è chi trama per continuare a tenerli lontani e non solo, stavolta allontanarla da lui sembra non bastare, il “mostro”vuole di più, vuole annientarla nel modo peggiore.

 

Come al solito io non vi dirò altro per non togliervi il gusto della scoperta nella vostra lettura, quindi cosa aspettate?

 

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

L’ultima meta - Roberta Damiano

Kristel Anderson ritorna nella sua terra di origine per salvare l’ unica cosa che per lei conta davvero.

Ryan Coleman, il miglior quarterback dei Giants, è nel pieno del suo successo quando uno scontro in campo lo porta al riposo forzato.

Entrambi si ritrovano a Jackson, a vivere l’ uno di fronte all’ altra come quando erano bambini.

Ricordi, emozioni e sentimenti repressi torneranno prepotenti e li porranno di nuovo davanti a una scelta: le loro strade si separeranno ancora?

L’ultima meta - Roberta Damiano
Buona lettura, JENNY.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.