DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Paola Chiozza

Salve readers, è da tempo che aspettavo questo momento, dei suoi lavori già pubblicati me ne manca solo uno, mancanza alla quale provvederò presto.  

Il suo stile è inconfondibile nei suoi libri a firma singola, tanto quanto risulta evidente nella sua ultima fatica Bad Obsession, scritta a quattro mani con la bravissima Bianca Ferrari, diamo il benvenuto a Recensioni YoungAdult a Paola Chiozza.

Paola raccontaci qualcosa di te…

 

1) Come ho già detto conosco tutti i tuoi libri, eccetto uno, ma oggi voglio farti parlare principalmente di Bad Obsession, com’è nata l’idea di una storia così fuori dagli schemi?

Avevo questa storia in testa dai tempi delle superiori. Nel 2006 ho iniziato a scriverla con il mio migliore amico dell’epoca, poi abbiamo interrotto e ci siamo persi di vista. 

È rimasta nel cassetto per tantissimi anni, quasi 13, finché non ne ho parlato con Bianca e lei mi ha confessato di avere un’idea simile in testa. Quindi abbiamo pensato “perché non unire le forze?”

 

2) So che tu e Bianca siete molto amiche, e suppongo che per scrivere un libro a quattro mani serva una connessione mentale non indifferente, so anche chi tra voi ha interpretato Chas e chi Mad, ma non riesco a capire esattamente come funziona, ce lo spieghi?

Semplicemente ci caliamo nei panni del personaggio che interpretiamo, proprio come due attrici, e diamo sfogo alla fantasia. 

Ciò che succede nel capitolo viene concordato prima, a grandi linee, ma in fase di stesura è tutto a discrezione dell’autrice che sta scrivendo il capitolo. 

Ci atteniamo alla scaletta, allo scheletro di base, ma dialoghi e sensazioni dei personaggi nascono “sul momento”.

 

3) Quando ho letto il libro non ho voluto sapere chi di voi avesse interpretato chi, perché volevo vedere se conoscendo il vostro modo di scrivere lo avrei capito da sola, e dal momento che l’ho scritto nella mia recensione, sono felice di non aver sbagliato. 

In base a cosa avete scelto?  Cosa ha portato alla decisione che tu fossi Chastity?

Bianca si trovava più a suo agio nell’interpretare un personaggio maschile, perché sente Damian molto vicino a sé, mentre io non sono molto ferrata con la “testa” degli uomini… preferisco interpretare le ragazze!

 

A dispetto del carattere remissivo e iper religioso di Chastity, quello che mi stupisce di più è il carattere di Mad, non vuole avere niente a che fare con gli affari di famiglia, cerca di smarcarsi come può, ma non si allontana, non prende le distanze e ne ho capito il perché.  

Non si sente amato, né rispettato per quello che è, ma non riesce a rinunciare al bene che lui vuole loro, e questo tratto del suo carattere mi è piaciuto da morire.

 

4) Potevate scegliere qualunque ambientazione e qualunque tipo di “delinquenti”, perché Boston e la mafia irlandese?

Perché è la mafia sulla quale siamo più ferrate. Il cugino di mio padre è l’assistente procuratore distrettuale di Boston e ci ha dato una grande mano per quanto riguarda la parte di azione della dilogia.

 

5) Durante la lettura,  ho trovato il comportamento di Jeremy molto sopra le righe, troppo rigido e ho pensato che forse era solo una facciata, poi quando a Chas sembra che Jem vorrebbe posare la mano sulla coscia di Ariel, ho capito. Come avete fatto a confezionare un tale ipocrita?

Jeremy rappresenta il concentrato di tutto ciò che riteniamo sbagliato nella religione (qualsiasi sia): il bigottismo, il fondamentalismo, l’intolleranza e la mancanza di empatia verso il diverso.

 

6) Purtroppo Bad Obsession è solo metà della storia, e giuro che vorrei avere il potere di mandare avanti il tempo veloce per poter leggere Bad Reputation e vedere come va a finire, ma se ieri ero curiosa, oggi dopo aver letto il freebie dei primi due capitoli, so già che morirò d’ansia nell’attesa… Puoi anticiparci qualcosa?

Bad Reputation è un romanzo diverso da Bad Obsession, i rapporti sono più profondi, si scava nei sentimenti, l’amore tra Damian e Chastity si intensifica, ma le minacce sono tante e metteranno a dura prova la loro relazione a distanza…

7) Ho visto sui social i presta volto di Chas e Mad, ma sarei curiosa di sapere a chi vi siete ispirate per Declan.

A nessuno in particolare. Ci piace costruire i personaggi nella nostra testa e, solo dopo, trovare un volto che somigli a quello che abbiamo immaginato. Per ora Declan non ha un prestavolto “fisso”. 

Tutto quello che sappiamo di lui è che ha le lentiggini, come Mad, è tatuato e ha i capelli castani.

 

8) Dei tuoi lavori precedenti ho letto sia Punizione Divina che Conflitto d’Interessi, e li ho amati entrambi, dammi un motivo per leggere Royal Flush.

Se ti piacciono gli intrighi, la suspanse, i segreti non detti e l’age-gap… allora la storia fa per te!

 

9) In Montana cowboy sexy, in Islanda un vichingo pasticcere, a Boston un batterista bello come il peccato, in Royal Flush chi mi farà battere il cuore e in quale parte del mondo mi porterà?

A Zurigo, in Svizzera, tra i casinò e i segreti del gioco d’azzardo. Due uomini cercheranno di conquistarti: Dorian Von Bodman, glaciale e oscuro, e Klaus Meyer, più dolce ma anche più subdolo…

 

10) Le figuracce di Giuditta in Punizione Divina, quelle di Sofia in Conflitto di Interessi, rendono evidente la tua vena ironica, quanto ti è costato tenerla a freno in Bad Obsession?

Ammetto che a volte avrei voluto inserire qualche battutaccia, ma mi sono fermata in tempo!

11) Dopo l’uscita di Bad Reputation hai già un nuovo progetto in mente? A due o a quattro mani?

Il mio prossimo progetto è un chicklit: ritorno a casa, alla commedia romantica, alle protagoniste sfigate e agli uomini stronzi ma col cuore di burro.

 

Paola è stato un piacere poterti avere nostra ospite, ti ringrazio a nome mio e di tutto lo staff di Recensioni Youngadult per la tua disponibilità e ti rinnovo i complimenti per i tuoi lavori.  

Nel salutarti ti do appuntamento per la recensione di Bad Reputation, grazie e a presto, Jenny.

Grazie a te per l’ospitalità!

DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Paola Chiozza