DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Danneel Rome

Salve readers, oggi accogliamo nel nostro salotto di Recensioni Young Adult  l’autrice di My Mr Dark, il primo volume della serie Mr Dark, diamo il benvenuto a Danneel Rome…

Danneel parlaci un po’ di te…

Ciao! Sono Danneel Rome, pseudonimo che ho scelto senza distaccarmi troppo dal mio vero nome. Sono nata a Napoli, classe 1989 e scrivo da che ne ho memoria.

Ho cominciato con piccole filastrocche e racconti per poi continuare nel tempo, fino alla pubblicazione del mio primo libro, “Ti ho vista”. 

Da lì ho usato tanto la community di Wattpad per farmi conoscere, migliorare attraverso il confronto coi lettori e gli scambi di lettura. Negli anni sono cresciuta e migliorata tanto.

Ho all’attivo la pubblicazione di una trilogia rosa con elementi erotici, la The glance series composta da “Ti ho vista”, “Ti vedo ancora” e “Ti vedrò per sempre”; 

un erotico puro dal titolo “Bruci sulla pelle”, una storia che nel suo piccolo ha avuto tanto successo e mi ha dato molte soddisfazioni (ho deciso, infatti di proseguire, poi, con quattro spin off, di cui il primo, “Bruci nell’anima” è in scrittura); 

il romantic suspence “Danno collaterale” pubblicato con la Hot edizioni e il primo volume della Mr. Dark series, “My Mr. Dark” (secondo e terzo usciranno per gennaio, massimo febbraio, ma insieme, così le lettrici non dovranno aspettare ancora per conoscere la fine di questa favola).

 

1)Logan Dark è un personaggio meraviglioso, che ho amato per le sue immense fragilità, hai scritto di un uomo spezzato dal dolore e dai ricordi di un momento terribile della sua infanzia, come mai hai fatto questa scelta?

Ho conosciuto una persona che ha subito abusi e avevo tantissima voglia di trattare, prima o poi, questo tema all’interno di un mio romanzo, ma con delicatezza e arrivandoci in punta di piedi.

Poi, il personaggio di Logan mi si è affacciato alla mente con tutti i suoi tormenti. 

Ho immaginato quest’uomo ricco, con un’apparente vita perfetta, ma, in realtà, fortemente spezzato e bisognoso d’amore come e più degli altri.

Volevo che fosse forte e fragile insieme e Logan Dark è esattamente questo.

Amo, negli uomini, le fragilità e ho amato particolarmente il mio Logan.

 

2) Il trauma di Logan è profondo e ben radicato, condiziona quasi ogni aspetto della sua vita, ma quando ha visto Iris è stato come se un raggio di sole lo avesse finalmente illuminato, strappandolo al buio della sua vita, ed è stata un’immagine bellissima. 

Ti sei ispirata a qualcuno per delinearlo?

Non esattamente, ma penso, in generale, che noi donne possiamo essere la strada verso la luce dei nostri uomini, soprattutto quando questi sono tormentati e pieni di problemi ben radicati nella loro anima.

Questo non significa che l’amore guarisce, ovviamente quando si parla di problemi seri è fondamentale l’intervento di professionisti, ma penso che l’amore possa essere una buona spinta ad aiutarsi (si dice “aiutati che Dio t’aiuta”, no?) e a farsi aiutare.

 

3) Di solito nei romanzi al massimo è uno il protagonista problematico, quello con un passato pesante, coi demoni nell’anima, tu hai scelto di scrivere un libro dove entrambi i protagonisti hanno un vissuto traumatico, perché?

In realtà non c’è una ragione precisa. Inizialmente era Logan il protagonista che si è affacciato alla mia mente, con tutto il suo bagaglio di esperienze pesanti e tormentate, ma poi Iris è venuta fuori così, in maniera naturale.

Dico sempre che noi autori scegliamo fino a un certo punto, sono i nostri personaggi che ci guidano e che prepotentemente ci spingono a raccontare la loro storia.

Loro devono indirizzare noi e non viceversa.

Rileggendo il libro dopo tempo, poi, ho pensato che il personaggio di Iris (anche lei con un passato difficile corredato da un momento particolarmente triste e doloroso) potesse in qualche modo far riflettere anche Logan sui dolori della vita. Sono universali, colpiscono chiunque e in maniera diversa.

Spesso, però, una mano tesa vale più di mille parole e quando l’aiuto arriva dalle persone che amiamo è davvero meraviglioso.

 

4) Il trauma che ha subito Logan è impossibile da superare, ma non ci sei andata leggera nemmeno con Iris, che al contrario di Logan che si è chiuso al mondo, cerca il buono nelle persone, anche in chi non lo merita. 

Li hai descritti come fossero il giorno e la notte, si vogliono, si cercano, si rincorrono, ma non riescono mai a raggiungersi davvero… Quanto ci/li farai soffrire ancora?

Diciamo che i due protagonisti affronteranno ancora peripezie, ma il messaggio che cerco di lanciare in ogni libro (e ho cercato di farlo anche nel primo, in qualche modo, nel capitolo bonus narrato da Iris) è che la forza dell’amore è la cosa più potente del mondo e vince sempre su tutto.

5) Iris è bella, intelligente e tosta, ma come spesso capita, considerata solo un “corpo”, se ho apprezzato il modo in cui si è difesa col cliente del capo, nel suo precedente lavoro, invece non ho apprezzato che per un tornaconto economico non abbia rimesso a posto l’inquilino di suo padre, non credi che potrebbe passare il messaggio sbagliato?

Iris è una ragazza che sbaglia, fa tanti errori e ne farà anche più avanti, maturando man mano. 

Dopo essersi scottata a causa del suo comportamento che ha fatto sì, a inizio libro, che perdesse il posto di lavoro, vuole in qualche modo imparare dai suoi errori e non commetterne altri a causa del suo carattere.

Diciamo che se non avesse trovato Logan che l’ha subito accolta come segretaria, non sarebbe stato di sicuro così facile trovare un nuovo lavoro in poco tempo. 

I soldi che guadagnava le servivano per aiutare la sua famiglia, quindi in un certo senso si pente di aver risposto male al suo capo e aver perso, a causa del suo comportamento, al lavoro.

Ecco, non vuole fare lo stesso errore col coinquilino di suo padre, visto che l’affitto che lui paga fa sì che la sua famiglia possa rimanere ancora nella casa dove ha vissuto anche la madre.

Per intenderci, la differenza è che nel primo caso lei ha agito senza pensare ma, il massimo che le è successo è stato perdere il lavoro (grave ugualmente, per carità), nel secondo caso, invece, c’è una motivazione sentimentale molto forte legata alla casa dove vivono suo padre e suo fratello e quindi ci pensa mille volte prima di fare passi falsi.

 

6) Un altro personaggio che prenderei volentieri a sberle è il padre di Logan. Come può un padre comportarsi in quel modo? 

Ti prego dimmi che dietro al modo orribile in cui interagisce col figlio c’è un motivo che non ho capito o che non hai ancora svelato.

Diciamo che il padre di Logan si redimerà in qualche modo alla fine del secondo volume e il suo personaggio verrà fuori diversamente nel terzo, facendolo in qualche modo apprezzare al lettore e “perdonare” per tutti i suoi errori.

 

7) La madre invece la capisco un po’ di più, anche se ha sbagliato, lo ha fatto comunque pensando davvero di fare il bene del figlio, Logan riuscirà a perdonarla?

Nel secondo volume mamma Dark, come la chiamo io, sarà un personaggio che, vi assicuro, rivaluterete al 100% e, oserei dire, amerete. Non vi dico cosa combinerà per non fare spoiler, ma sono certa che la apprezzerete.

Logan farà fatica a perdonarla, ma, in fondo, la mamma è sempre la mamma.

 

8) Ho mille domande in testa, mille cose ancora che vorrei sapere, ma non voglio che l’intervista dia troppi spoiler, perciò ti chiederò una cosa civettuola: chi sono i presta volto di Logan e Iris?

Grazie per questa domanda. Amo tantissimo condividere coi lettori che mi seguono sui social le foto dei presta volto che ho scelto per i miei personaggi (fermo restando che ognuno si farà trasportare dalla fantasia e immaginerà chi vuole).

Io li ho visti come Pedro Soltz, un modello di origini brasiliane (che tra l’altro seguo su Instagram ed è bello, umile, molto dolce e gentile, con una famiglia bellissima) e l’attrice e modella Celeste Desjardins che mi ha fatto conoscere la mia mamma guardando tempo fa un film su Canale 5. 

Appena l’ho vista ho detto: è lei, è la mia Iris.

 

9) Che sviluppi dobbiamo aspettarci dal secondo volume?

Ci saranno sicuramente dei passi che Logan farà per migliorare la sua condizione. Ci saranno riavvicinamenti, percorsi da affrontare insieme.

Uscirà fuori, ancor di più, un Logan super romantico che vi farà dire: ma un uomo così nella vita no? xD

Una nuova ombra dal passato rischierà di minare la felicità tra i due, ma il finale del secondo volume sarà molto diverso dal primo e posso promettervi un po’ di gioie.

 

Vorrei continuare a tartassarti di domande ma non posso, permettimi solo di complimentarmi ancora per la delicatezza con cui hai trattato tematiche serie e dolorose, e per la bellezza delle immagini che hai saputo creare. 

È arrivato il momento di salutarci, da me e da tutto lo staff di Recensioni Young Adult un grazie di cuore per la tua disponibilità e un arrivederci a presto col secondo volume della Mr Dark Series, Jenny.

 

DUE CHIACCHIERE IN COMPAGNIA di Danneel Rome