Titolo: É stato solo un gioco 
 
Autore: Kylie Scott
 
Casa Editrice: Newton Compton Editori
É stato solo un gioco – Kylie Scott

Torniamo a conoscere un altro membro degli Stage Dive: Malcolm Ericson, il batterista fuori di testa della band. 

Ad essere coinvolta è Anne, una ragazza dai modi semplici ma dalla vita difficile: la sua ormai ex coinquilina se n’è andata di casa portando via le sue cose e lasciandola in difficoltà con l’affitto. 

I suoi vicini decidono di portarla fuori ad una festa di amici per farla svagare un po’. E dove finiscono? A casa di David ed Ev, il chitarrista della band e sua moglie!

 

Qui succede il finimondo, Anne riesce a conoscere il suo idolo, Malcolm Ericson, e riesce a parlargli durante la festa. 

Mal dal suo canto sembra avere un colpo di fulmine nei confronti della ragazza: inizia a parlare di convivenza e fidanzata e le trova un nomignolo tutto particolare, Zucca. 

 

Tutto sembra confinato alla festa e agli effetti dell’alcol ma il giorno dopo si trasferisce da lei riarredando la casa con quello che mancava e iniziando un effettiva vita di coppia. 

Lui usa la scusa di aver bisogno di una finta fidanzata ma sembra veramente coinvolto…cosa succederà tra i due?

 

“Era un’anima inquieta, Malcolm Ericson. Mai fermo”

 

Tornano i personaggi che abbiamo conosciuto con l’altro romanzo dell’autrice Tutto in una sola notte, anche se questa volta il protagonista è per l’appunto il batterista. 

Mal è un ragazzo a dir poco strano e dal carattere esuberante, sembra nascondere qualcosa ma non è chiaro. 

 

“Quel batterista era pazzo. Era sempre stato sull’orlo di essere uno che ha bisogno di un accesso immediato a una stanza bianca, dalle pareti imbottite. 

E per un attimo aveva avuto anche un suo fascino, anche se in modo non proprio convenzionale, ma ora sembrava aver perso ogni minima parvenza di controllo”

 

Personalmente ho trovato l’intera situazione surreale e poco chiara, tutto corre troppo velocemente e nella realtà sicuramente non è molto plausibile. 

Non sono riuscita ad apprezzare appieno la storia perchè in sottofondo rimaneva il dubbio sull’intera situazione. 

 

Anne, rispetto a Mal, è una ragazza semplice e accondiscendente, la classica ragazza della porta accanto la cui vita viene stravolta dal suo idolo. 

Lei accetta tutto senza troppe remore, decidendo di prendersi cura di questo ragazzone dall’animo inquieto. 

 

Il resto della band e la vita di Anne, in particolare il suo datore di lavoro, vengono messi in secondo piano e non creano particolari tensioni tra i due. 

Nonostante questo la lettura non resta mai completamente piatta, complice forse il fatto che la situazione è surreale.

 

Buona lettura, Ali!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

É stato solo un gioco – Kylie Scott

Mal Ericson, batterista di un famoso gruppo rock emergente, ha bisogno di ripulire la sua immagine in fretta. 

Farsi vedere con una brava ragazza potrebbe servire allo scopo. Sia chiaro: Mal non ha alcuna intenzione di rendere questo cambiamento permanente. 

Che cosa succede, però, se la ragazza che incontra è proprio quella giusta? 

Anne Rollins non avrebbe mai pensato di incontrare il dio del rock i cui poster ricoprivano le pareti della sua camera da letto quando era una ragazzina. 

Almeno non in circostanze del genere. Anne ha bisogno di soldi. Molti soldi. 

Ma giocare a far finta di essere la fidanzata di un batterista dalla vita sregolata, che passa da una festa all’altra, potrebbe non portarle nulla di buono…

É stato solo un gioco – Kylie Scott
Buona lettura, Alice.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?