Titolo: Mia per Natale
 
Autore: J.S.Scott
 
Casa Editrice: Golden Unicorn Enterprises, Inc.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Recensione

Mia per Natale – J.S.Scott

Salve readers, sapete tutte ormai che nell’arco dell’anno ho letto ogni libro pubblicato da J.S.Scott, quindi non potevo perdermi la novella natalizia legata alla serie L’Ossessione del Miliardario

La Scott ha pensato di allietarci le feste raccontandoci come stanno andando le cose per la coppia dalla quale è partita la serie, ossia Simon e Kara e lo fa con: Mia per Natale.

Quella in questione, è una delle coppie che ho amato di più, e sono stata felice di questa novella perché volevo sapere qualcos’altro su di loro, mi è dispiaciuto però notare vari errori ai quali non è stata prestata la necessaria attenzione. 

Le storie della Scott meritano comunque la massima attenzione, i suoi racconti anche quando sono brevi novelle, trattano sempre una tematica seria, attuale e importante; 

in questo caso la felicità di un bimbo affètto da diabete di tipo 1, figlio di una madre single e alcolizzata, che è stata trovata morta con accanto il figlio in coma diabetico.

“Suo marito sarà anche stato l’uomo più testardo sulla Terra, ma lo amava con ogni fibra del suo essere. Ecco perché sto così male ora. 

Ho bisogno che mi desideri come un tempo, che prenda in considerazione l’idea di avere un altro figlio, in modo che Ginny non sia una figlia unica come lo ero io

Non che volesse un altro bambino immediatamente. Ginny aveva appena sedici mesi. Ma Kara avrebbe voluto almeno discuterne.”

 

Kara e Simon sono sposati da due anni, e hanno una bimba, Ginny, di sedici mesi. Lei vorrebbe un altro figlio per non lasciare Ginny figlia unica, ma Simon non è d’accordo. 

Kara sente suo marito lontano, lei si vede grassa, cerca di perdere il peso in più, ma è difficile, è sempre stanca, il lavoro e la bambina la sfiniscono, ma le manca il sesso esplosivo con Simon, le manca il suo modo di farla sentire bellissima e sexy.

“Anch’io sono stato egoista” gracchiò lui. “Ma non posso vederti attraversare di nuovo quel tipo di dolore. Sono sopravvissuto appena alla nascita di Ginny. 

Ero diviso tra il miracolo di te che lottavi per mettere al mondo nostra figlia e la fottuta agonia che stavi passando. 

Questo non ha niente a che vedere col non volere un altro figlio con te, ma non posso farlo.” Lasciò andare un sospiro mascolino. 

“E poi ci sono state le infinite nausee. Accidenti, sembravi sul punto di morire da un momento all’altro durante quei mesi. Non voglio più vederti così stanca e sfinita.”

 

Simon, non vuole mettere incinta Kara mai più! Vederla stare male per le nausee, e poi dover assistere al dolore del parto, lo ha sconvolto, non permetterà mai più che la sua Kara soffra così tanto. 

Da quando sono diventati genitori ha cercato di aiutarla il più possibile, si è anche trattenuto a letto, lasciando da parte la sua voglia di prenderla in modo irruento e sostituendola con atti dolci e veloci. 

Il desiderio di lei, il desiderio di assecondare la sua natura lo sta uccidendo, ha bisogno di lei in un modo più carnale o impazzirà. 

Una sera in cui Simon ha affidato la piccola Ginny a nonna Helen, per poter portare fuori sua moglie e farci l’amore fino a crollare stremati, la loro serata finisce in ospedale… 

Maddie, amica e cognata di Kara, nonché suo capo, l’ha informata che un suo paziente è finito in ospedale, ed è solo, nessuno sarà con lui quando si sveglierà, la sua mamma è morta, e ora il piccolo Timmy non ha più nessuno. 

Kara ama quel bimbo così fragile e bisognoso d’amore e con sua grande sorpresa anche Simon si affeziona subito al bimbo, forse perché gli ricorda sé stesso da bambino.

“Non sono triste, Simon. Ho solo paura” spiegò Tim esitante. Simon aggrottò la fronte. “Perché?” “Voglio tanto stare con te, Kara e Ginny. Ma temo che accadrà qualcosa di brutto. Di solito succede.” “Non succederà” promise Simon. 

“Lo prometto. Ti fidi di me, vero?” Tim annuì avidamente. “Ricordi cosa ho detto sul mantenere le mie promesse?” Tim inclinò solennemente la testa. “Sarai mio figlio, proprio come Ginny è mia figlia” promise Simon, con un groppo in gola.”

 

Le condizioni di Timmy sono serie, ma non disperate, ma ora serve trovargli una famiglia che lo accolga nonostante la sua salute e non sarà facile…oppure no? 

Mia per Natale è una storia magica, dove un Babbo Natale compare magicamente portando non solo doni, ma anche speranza. 

Come in tutti i suoi libri, anche in questo caso la scrittura della Scott non si è smentita, ironica, frizzante, erotica, ma anche romantica e dolce: insomma cosa aspettate a comprare anche voi la vostra copia di Mia per Natale

Buona lettura, Jenny.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

Mia per Natale – J.S.Scott

Simon e Kara sono tornati!


Kara Hudson è sposata con il suo marito miliardario, Simon, da oltre due anni, e lo ama ancora più disperatamente di quando si sono sposati. 

Purtroppo, però, una certa distanza stava crescendo tra i due, e la passione non era più così rovente come una volta. 

Possibile che Simon non fosse innamorato pazzo di lei come un tempo, o i loro problemi andavano molto più in profondità di quello?


Simon Hudson ama sua moglie e sua figlia così tanto che fa male. E si stava stancando di trattenere le sue emozioni per la moglie stanca e sfinita, che si era presa cura della loro bambina durante il suo primo anno e mezzo di vita senza lamentarsi.

Le loro differenze e la distanza emotiva li separeranno? O un prezioso regalo di Babbo Natale li aiuterà a sanare le loro incomprensioni e a trascorrere il Natale più gioioso che abbiano mai avuto?

Mia per Natale – J.S.Scott
Buona lettura, Jenny.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!