Titolo: La notte prima di Natale
 
Autore: Jana Aston
 
Casa Editrice: Newton Compton Editori

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Recensione

La notte prima di Natale – Jana Aston

Salve readers, oggi vi parlerò di un’altra storia a tema natalizio: La notte prima di Natale di Jana Aston.

Questa breve novella è il terzo volume della serie Reindeer Falls, e come spesso mi capita, non ho ancora avuto modo di leggere i primi due, ma se quest’ultima può essere usata come termine di paragone, sono sicura che mi piaceranno anche i primi due.

Sei single? Ho un nipote che avrebbe bisogno di una moglie».

Se mi avessero dato un dollaro per ogni volta che mi è stato offerto il figlio, il nipote o il fratello di qualcuno probabilmente adesso avrei… trenta o quaranta dollari. 

Comunque, so che dietro ci sono sempre le migliori intenzioni, quindi sto semplicemente al gioco.

Inoltre, amo il mio lavoro così tanto che non mi dispiace che qualcuno provi a sistemarmi con il nipote. Insomma. Non mi dispiace più di tanto.

«Perché mai avrebbe bisogno di una moglie?», chiedo. Più che altro sono curiosa di scoprire cosa mi risponderà. Gli anziani tendono a dare fiato a qualsiasi pensiero passi loro per la testa – il più delle volte si rivela essere qualcosa di esilarante.

«Tutti gli uomini hanno bisogno di una moglie», risponde, il suo tono sottintende che è un dato di fatto. Qualcosa che si suppone io debba già sapere.

 

Ho letto davvero tante storie a tema natalizio quest’anno, non credevo di riuscire a trovarne così tante con trame originali. 

La notte prima di Natale è scritta da un pov unico, come capita quasi sempre nei racconti brevi. 

La narrazione è ironica, fresca, incisiva, la trama chiara e ben sviluppata, nonostante l’esiguo numero di pagine in cui si svolge la storia, i protagonisti sono ben delineati e decisamente piacevoli. 

Lei, una ragazza con la testa sulle spalle, responsabile e impegnata nel sociale, lui…non è lui, o forse sì?

«Sei aggressiva», grida da dentro la stanza. Arriccio il naso, ricordando a me stessa che non mi interessa cosa pensa. 

«Sexy», aggiunge, e la mia mascella si spalanca. Va bene, forse mi importa un pochino. Ma poi mi chiedo se non stia scherzando. Indosso jeans e un maglione dolcevita verde. 

Starà scherzando per forza, a meno che non abbia una sorta di feticismo per il collo alto.

«Be’, tu invece sei esattamente quello che mi aspettavo». Mi appoggio al muro di fronte per costringermi a non spiarlo attraverso la porta aperta.

«Che te ne pare?». Esce dall’ufficio, si sta ancora abbottonando la giacca di Babbo Natale sopra l’imbottitura dello stomaco. 

Dovrebbe apparire quantomeno ridicolo: pantaloni rossi, una grossa cintura nera appoggiata sopra la spalla e una giacca abbinata chiusa fino all’ultimo bottone. 

Ma in realtà… In realtà, i miei pensieri su di lui, in questo momento sono tutto fuorché ridicoli. Già, non lo sono per nulla, mentre osservo le sue mani aggiustare la lunghezza della giacca. 

Quando ha finito, mi fa l’occhiolino e io arrossisco perché mi ha beccata a fissarlo.

Forse ho io una sorta feticismo per Babbo Natale? Bleah. Sempre ammesso che esista qualcosa del genere.

 

La notte prima di Natale è una storia basata sul desiderio di una nonna e su un equivoco, un banale scambio di persona. 

Teddy e Noel si incontrano per caso e fra loro volano scintille fin da subito, ma quello che trovano l’uno fra le braccia dell’altra, non è quello che credevano, almeno non quello che credeva Noel. 

La storia ci fa immergere nelle emozioni di Noel, nelle sue paure, nelle paranoie e nei suoi desideri, in particolare in quelli di natura erotica, che hanno tutti come protagonista lui, Teddy.

Mi mordo il labbro tra i denti per non sorridere. «Ci conosciamo a malapena».

«Nessuno conosce veramente nessuno prima di conoscerlo».

«Quello era uno scioglilingua impronunciabile».

«Voglio dire, si deve pur iniziare da qualche parte, Noel. Anche se vuoi conoscere qualcuno devi iniziare da qualche parte. 

Ogni giorno scegli con chi vuoi trascorrere del tempo. Chi vuoi conoscere meglio e chi è degno del tuo tempo. Voglio investire il mio tempo su di noi».

Noi. Mi piace molto come suona.

«Cosa succede quando le vacanze finiscono e devi tornare a casa?». Non sono sicura del motivo per cui lo sto chiedendo, perché, voglio dire, prima o poi lo scopriremo. 

Qui o là, non ha importanza, voglio essere ovunque sia Teddy. Voglio colmare tutte le cose che non so di lui, e metterci anche le cose che faccio io. E so di non poter prevedere il futuro, non ho idea di quel che accadrà. Ma so che lo voglio.

«Mi trasferirò a Reindeer Falls. Posso lavorare dovunque».

 

Theo, lavora in ambito finanziario, è indipendente e abita lontano dalla sua città natale, questo fa stare male la nonna, che lo vorrebbe sposato e vicino, per questo non perde mai occasione per cercare di accasarlo. 

Ma lui sarà pronto al grande passo? Volete saperlo? Allora correte anche voi a leggere La notte prima di Natale, buona lettura, Jenny.

 

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

La notte prima di Natale – Jana Aston

Caro Babbo Natale,
per favore vieni a riprenderti il completo che hai lasciato a casa mia. Se pensavi che sarei corsa a portartelo in tintoria dopo che l’hai lasciato sul pavimento della mia stanza, ti sbagliavi.

Cordiali saluti

Noel Winter

La notte prima di Natale – Jana Aston
Buona lettura, Jenny.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!