Titolo: Nessuno mi può giudicare 

Autore: Paola Chiozza

Genere: Chick Lit

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Recensione

Nessuno mi può giudicare – Paola Chiozza

Eccomi di nuovo qui mie care amiche di lettura

Oggi sono qui per  parlarvi dell’ultimo libro di Paola Chiozza: Nessuno mi può giudicare

Nessuno mi può giudicare è un chick lit, ma oltre a farci sorridere ci parla della differenza di età, affrontando un tema spesso stereotipato.

Sienna fa la  giornalista presso la  rivista Temptation , per il giorno dei suoi trent’anni viene indetta una riunione. Lei spera e crede sia per la sua promozione a caporedattrice, in realtà viene praticamente invitata ad andarsene.

Ma Sienna non è proprio pronta a perdere il lavoro, neanche per sogno.

Il lavoro  è tutta la sua vita quindi insieme alle sue due più care amiche cerca di inventarsi un modo per non farsi licenziare.

Solo un articolo sensazionale può salvarla.

Se non ha un’idea brillante  per l’articolo del prossimo mese, verrà rimpiazzata da Diamonique Ashton, alias Bloodybarbie, ovvero una diciottenne influencer che mostra il sedere ai suoi mila e mila followers.

Il suo articolo deve essere una bomba, ma che tema affrontare?

A suo soccorso arrivano Ariane e Poppy che le suggeriscono di trattare il tema della differenza di età da un punto di vista davvero particolare.

E lei prende al volo quest’ultima opportunità. Non ha scelta.

Deve solo trovare i due uomini con cui uscire e l’articolo è fatto.

Il destino ci mette lo zampino e per una volta sembra tutto facile: ecco qui disponibili due tipi niente male.

Brandon quarantenne, ginecologo, ricco e super sexy.

Hunter ventenne, ancora studente, tutto tatuato e con la fissa del sesso.

 

Per amore dell’articolo Sienna si ritroverà a dover passare del tempo ( poverina 😉 con i due uomini.

 

«Okay, Doc,» lo inchiodo con un’occhiata inquisitoria,

«dov’è la fregatura?»

«Quale fregatura?»

«Hai una Tesla, una barca a vela, gestisci un intero re-

parto al Medical Centre, sei gentile, elegante e insomma,

sei un gran…» Questo magari avrei potuto tenerlo per me.

«Bell’uomo. Non credo che tu sia solo. Cosa nascondi?»

Brandon scoppia a ridere e si dirige verso le cabine.

 

E mentre uno la porta in barca a vela, le regala un vestito Valentino e le offre una cena da dieci portate, l’altro la ricatta per rivederla e le porta dei fiori rubati e un libro.

 

 

 

«Piaciuto il concerto?»

«Per niente.»

Hunter sorride e il piercing sulla sua lingua scintilla. «Non

vedo l’ora di strapparti di dosso questo bel vestito da edu-

canda.»

Lo blocco. «Tu e io non faremo nulla.»

«Allora perché sei venuta?»

«Mi hai ricattata.»

«Avresti potuto spiegare il malinteso alla direttrice scola-

stica, ti avrebbe perdonata. È una come te.»

Arriccio il naso quando la zaffata di nicotina mi raggiunge.

«Come me?»

«Una bacchettona.>>

La sfacciataggine di Hunter mi dà sui nervi. Non sono di-

sposta a tollerare un’altra mancanza di rispetto. «Non mi co-

nosci nemmeno.»

«Allora dimmi chi sei e perché ti sei finta una consulente del

Medical Centre.»

«È stato uno sbaglio. Un errore del Fort Street.»

Lui emette una risata roca e getta la testa all’indietro. I cion-

doli che porta al collo, un lucchetto e una spada, tintinnano.

«Ti ho cercata su Instagram. Pagina blindata e foto del profilo

che ti ritrae con un gatto in braccio. Sei il prototipo perfetto

della trentenne puritana.»

«Non. Sono. Una. Puritana.» A ogni parola faccio un passo in

avanti. «Smettila.»

«Allora dimostramelo.»

 

Nonostante la differenza di età sia Brandon che Hunter le fanno passare dei bei momenti.

Passa il tempo e Sienna si ritrova sempre più coinvolta dai due.

Ovviamente non mancheranno i colpi di scena, le battute e le emozioni.

 

Rivoglio la mia vita di prima. Prima del licenziamento,

prima di Brandon, prima di Jackson che tradisce Ariane e, so-

prattutto, prima di Hunter.

 

Sienna riuscirà a scrivere l’articolo e non essere licenziata?

Ne vedremo delle belle e vi assicuro che vale davvero la pena leggere questo libro.

Avevo già letto gli altri libri di Paola Chiozza così quando è uscito questo sono praticamente andata a colpo sicuro. Non ho sbagliato, anzi. Trovo il suo modo di scrivere decisamente brillante, il suo stile  ha la capacità di tenermi incollata allo schermo del Kindle.

Lo trovo davvero ben scritto, mi ha fatto sorridere, emozionare e riflettere e non tutti i libri sono capaci di farlo.

Belli anche i personaggi che fanno da contorno, le due amiche, l’influencer, la sorella di Hunter…

 

Sienna si ritrova così ad essere attratta da questi due uomini completamente diversi, che le offrono prospettive diametralmente opposte. Quale sceglierà?

E voi a che team appartenete? Brandon o Hunter???

 

 

Buona lettura

Terry

 

 

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

Nessuno mi può giudicare – Paola Chiozza

Dicono che quando smetti di cercarli, gli uomini iniziano a bussare alla tua porta.

È proprio quello che succede a Sienna Nolan, trent’anni appena compiuti e una carriera in ascesa nel mondo del giornalismo. Non cercava un ragazzo, ma solo una promozione… invece si ritrova improvvisamente disoccupata, in crisi esistenziale e con due corteggiatori di troppo.

Quando la direttrice della rivista le offre la possibilità di scrivere un ultimo articolo, Sienna non ha dubbi: farà qualsiasi cosa per riavere il suo lavoro.

Anche sfruttare la sua assurda situazione sentimentale e usare due uomini come cavie per un’inchiesta sulla differenza d’età nelle coppie.

L’imbarazzo della scelta non è solo un modo di dire. Sienna è in imbarazzo davvero perché, be’… non ha una relazione decente dai tempi della scoperta della ruota!

Come ci si comporta con un uomo di dieci anni più grande? E con un ragazzo di dieci anni più giovane?

Brandon ha quarant’anni ed è un medico di successo, con un’interminabile fila di donne in sala d’aspetto. È normale che sembrino tutte pronte a spogliarsi, e non solo per farsi visitare?

Hunter invece è un ventenne sfacciato e malizioso, con troppi tatuaggi e troppo poco senso del pudore. Un bad boy da manuale che la desidera e non ha paura di dirlo. Un cliché vivente, se non fosse per quello che nasconde dietro le apparenze.

Sienna non è mai stata il tipo che tiene un piede in due scarpe, ma… ehi, siamo ragazze! Adoriamo le scarpe, e queste a lei piacciono davvero un sacco.

Divertimento, nessuna complicazione sentimentale e un solo obiettivo: riprendersi il posto in redazione.

Ma cosa succede se l’amore ti prende alla sprovvista? Se ti fa dimenticare che doveva essere tutto un gioco?

Un casino.

Ecco.

 

 

“Du gust is megl che uan…”

Perché accontentarsi di un solo ragazzo quando puoi averne due?

Nessuno mi può giudicare – Paola Chiozza
Buona lettura, Terry.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!