Titolo: Sei tu quello che voglio

Autore: Joanna Wylde

Editore: Newton Compton Editori

Genere: New Adult

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Recensione

Sei tu quello che voglio – Joanna Wylde

Salve readers, oggi vi parlerò di una serie che, come al solito, ho cominciato da metà, o per lo meno dall’ultimo volume in uscita, ossia il terzo della serie Reaper’s Series di Joanna Wylde, tradotto per noi dalla Newton Compton Editori e prossimo all’uscita, il 9 marzo. 

Mi è bastato vedere la copertina per sapere che lo avrei letto, quando poi ne ho letto la trama ho capito che lo avrei anche recensito. 

Per fortuna è autoconclusivo, quindi ho potuto farlo subito, ma sapete anche voi che quanto prima leggerò anche i primi due volumi, ma ora lasciate che vi presenti Sei tu quello che voglio.

Liam: Io ho sempre ragione… E che ne dici di me?

Io: ?

Liam: Che ne dici di darmi una possibilità?

 

Mi bloccai.

Liam mi piaceva. Mi piaceva un sacco – avevo persino fantasticato un pochino su di lui, soprattutto quando Painter si comportava da idiota. 

Ma era solo questo: una fantasia. Lui era lontano, al sicuro. Sapevo che era sexy perché me lo aveva detto Cookie e avevo visto delle sue foto online, anche se il suo profilo era piuttosto scarno.

Io: Sei serio?

Liam: Sì. Voglio incontrarti.

Io: Mmm…

Liam: Non voglio farti pressioni. Pensaci. Volevo solo farti sapere che sono interessato. Ti penso un sacco. Sei troppo bella, Em, e non te lo dico solo per farti piacere. È un dato di fatto. E sei anche divertente.

 

In questo, che per me, è il primo volume, ho potuto apprezzare la spiccata vena ironica dell’autrice, non so se per lei è una costante, ma in questa storia è molto evidente. 

La storia è scritta col doppio pov alternato che permette di conoscere i due protagonisti fino in fondo, di capire ogni loro emozione, ogni loro paura. 

La Wylde è stata molto brava a rendere vivide e reali le emozioni, a rendere il loro conflitto interiore palpabile. Un’autrice per me nuova, ma che entra di diritto nella mia Top 20. 

Anche il genere MC è stato rappresentato in modo molto credibile in alcuni aspetti della storia, in altri è stato romanzato parecchio, ma l’alone romantico che gli è stato costruito intorno, ha reso la lettura ancora più piacevole.

La fissai con l’uccello che pulsava, confuso da morire.

«Non ho mai fatto sesso», disse bruscamente. «E tu mi piaci un sacco e voglio davvero farlo, ma non sul divano sporco di un bar. Riesci a capirlo?».

Quel dettaglio aveva catturato la mia attenzione.

«Cosa cazzo…? Che vuol dire, che non hai fatto sesso?»

«Significa che non. Ho. Mai. Fatto. Sesso.», rispose scandendo bene le parole. «Davvero. Ti crea problemi? Perché mi stai guardando come se avessi un herpes e non è proprio il massimo».

Mi rilassai, cercando di comprendere ciò che mi aveva appena detto. Era difficile, vista la mancanza di circolazione, ma ci riuscii.

Merda. Em era mia. Tutta mia. Nessun altro stronzo era mai entrato in quella fichetta così carina; era fantastico, cazzo. Sorrisi lentamente, passandomi una mano tra i capelli.

 

Sei tu quello che voglio racconta la storia di Em, figlia maggiore del presidente del MC dei Reaper’s, e in quanto tale guardata a vista. 

La libertà per lei è un miraggio, ogni ragazzo che le si avvicina viene spaventato dal padre o da uno dei fratelli del club, tanto che a ventitré anni è ancora vergine. 

La sera della festa per l’ingresso ufficiale di Painter nel club, lei crede sarà la sera giusta, quella in cui lei gli si offrirà e lui smetterà di rifiutarla… ma non sarà così e lei decide che di motociclisti non vuole più sentirne parlare. 

Per fortuna può sempre contare su Liam, il suo amico virtuale-.

In realtà Liam è un motociclista appartenente al motorclub rivale dei Devil’s Jack, è un nomade, uno di quelli che vengono incaricati di “risolvere” i problemi. 

Liam è entrato nel club appena diciassettenne, quando grazie all’aiuto di Burke, il presidente della sede locale, salva dallo stupro la sua sorellastra e uccide il padre affidatario che cercava di abusarne. 

Entrambi si ritrovano sotto la protezione dei Devil’s Jack e Liam, un po’ per gratitudine, un po’ per senso d’appartenenza, col tempo diventa un membro effettivo e il braccio destro di Burke.

«Non fa una piega», ribattei. «Il fatto è… che non voglio trascorrere i prossimi vent’anni aspettando che mi spari alle spalle. 

Amo tua figlia e non rinuncerò a lei, perciò, se questo è un ostacolo insormontabile, dovresti ammazzarmi adesso. Altrimenti dovrai toglierti dal cazzo e lasciar stare me e la mia signora».

Quello attirò la sua attenzione. Picnic mi esaminò. Aspettai che dicesse qualcosa, ma Ruger si fece avanti con un’espressione fredda e tesa.

«Facciamolo fuori», propose. «Sophie ha passato le pene dell’inferno per colpa di questo stronzo. Ho rischiato di perderla».

Sostenni lo sguardo di Hayes, ignorando l’altro. Quella era una faccenda tra me e Picnic, che doveva decidere, una volta per tutte, se avrebbe potuto accettarmi come l’uomo di Em. Alzai le mani, mostrandogli i palmi vuoti, e mi voltai in modo da rivolgergli la schiena.

 

Liam ed Em non dovrebbero nemmeno conoscersi, ma sappiamo bene che in un romanzo ciò che è proibito è ciò che lo rende più interessante. 

Em non sa però che Liam la sta corteggiando per conto del club, per convenienza, quando lo scopre è troppo tardi e lei si ritrova prigioniera di quello che fino a cinque minuti prima le era sembrato l’uomo dei suoi sogni.

Liam deve obbedire agli ordini, ma più conosce Em, meno gli piacciono gli ordini a cui deve attenersi, ma Em non è una ragazza indifesa, e riesce non solo a mettere in salvo sé stessa e Sophie, salva anche Liam e Skid da morte certa.

Da quel momento in poi accade di tutto, ma io vi ho raccontato abbastanza ora tocca a voi leggere Sei tu quello che voglio, buona lettura, Jenny.

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

Sei tu quello che voglio – Joanna Wylde

Se c’è una cosa di cui Liam “Hunter” Blake è sicuro è che odia i Reapers MC. 

Nato e cresciuto tra i Devil’s Jack, conosce il suo dovere: difendere il club di motociclisti di cui fa parte dai suoi più antichi nemici, i Reapers. A qualunque costo. 

Ma perché usare la forza quando il capo dei Reapers ha una figlia ingenua e vulnerabile? Hunter ha desiderato Em dal primo momento in cui l’ha vista, e ora ha un’ottima scusa per averla.
Em ha vissuto tutta la vita all’ombra dei Reapers. Suo padre è iperprotettivo, ed è il capo della banda. L’ultima volta che Em ha avuto un fidanzato, qualcuno gli ha sparato. E da allora gli uomini sono più interessati a compiacere suo padre che a farla divertire. 

Fino a che un affascinante sconosciuto non è entrato nella sua vita. Em si è sentita per la prima volta desiderata, a prescindere dal suo cognome. Possibile che l’uomo che affolla i suoi pensieri di notte non abbia paura di suo padre? 

Forse Liam è davvero quello giusto…

Sei tu quello che voglio – Joanna Wylde
Buona lettura, Jenny.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!