Titolo: Vieni via con me 

Autore: Francesca Redolfi

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Recensione

Vieni via con me – Francesca Redolfi

Ciao a tutti

oggi vi voglio parlare di un libro che ho appena finito di leggere in anteprima, e che cela dentro di sé oltre ad una bella storia d’amore anche dei misteri.

 Il libro è Vieni via con me di Francesca Redolfi.

Vieni via con me ci racconta la storia di Cloe, una studentessa di lettere, che si ritrova dall’oggi al domani a dover cercare un lavoro perché sua madre è stata licenziata e lei vuole dare una mano.

Cloe si ritrova così a fare la cameriera presso una pizzeria, ma solo dopo una settimana di lavoro si licenzia. Vagando per cercare di non tornare a casa a mani vuote, e non dare un dispiacere ai suoi si imbatte nell’insegna di un altro locale: il Dandelion.

Il Dandelion è un ristorante di tutt’altro livello rispetto alla pizzeria, ha anche una stella michelin e il suo capo è un conte: Enzo Rivera.

Cloe chiede a lui di poter lavorare lì ed Enzo le da una possibilità assumendola.

«A domani, allora.»

Chiude la porta alle mie spalle e io mi allontano sentendomi stanca, ma anche piena di una certa contentezza che sfuma quasi nella felicità. 

Come se non fossi andata al lavoro, ma in un luogo che sa di pensieri e cose incantate, di bellezza, e forse di luccicanti aspettative.

 

Inizia così un periodo di apprendistato per Cloe dove  Enzo le insegnerà come versare il vino, come portare un vassoio con decine di flute, etc etc ovvero tutti  i vari trucchi per farla diventare una brava cameriera nel suo ristorante stellato.

«Adesso prova a versarlo tu.»

Sentendomi addosso l’ansia da prestazione da rigorista alla Champions, afferro la bottiglia per il fondo.

«Devi prenderla meglio» ammonisce lui. «Così.» Sento la sua presenza dietro

di me mentre il suo braccio si allunga sul mio per mostrarmi come devo fare.

Il mio cuore aumenta i battiti e inizio a sudare freddo. Lui sembra non farci

caso, come se abitualmente abbracciasse le ragazze per mostrargli come si versa il vino, e forse in effetti lo fa, chissà.

La mia mano guidata dalla sua versa perfettamente il ruscellante vermiglio, che scende corposo e rapido nel bicchiere fino a colmarlo. 

Intenso e legnoso è il profumo che arriva alle mie narici. Mi ricorda una baita in un ombroso bosco d’abeti.

Cloe inizia così a lavorare al Dandelion tra una lezione e l’altra del suo professore preferito, con suo padre che le fa proposte strambe per risollevare sua madre dalla depressione. Il lavoro le piace moltissimo, ma sogna sempre di diventare insegnante.

Tra cameriere un pò sulle righe, cuochi super simpatici e che preparano dolci ( e non solo) da far venire l’acquolina in bocca, madri in depressione, sorelle che si tingono i capelli per ribellione scopriremo la storia di Cloe e Enzo.

«Senti» asserisce prima di andare, «lascia perdere la storia della cantina e la ricetta segreta. Sono faccende di famiglia. E il capo non te le dirà, anche se è evidente a tutti» aggiunge infilando il portafoglio in borsa e mimando un sospiro esacerbato, «che ha un debole per te.»

Ma, come vi dicevo, in questo libro si parla anche di misteri. E allora cosa nasconde la cantina? Perchè a Cloe è vietato andarci?

Chi è zia Tessa? Perché Enzo non parla più con Fulvio e Sara? Cosa nasconde quella famosa lettera che ogni mese devono consegnare? Enzo riuscirà a fidarsi e donare a Cloe il suo cuore? Fulvio ed Enzo faranno finalmente pace?

Cosa nasconde il Dandelion?

Cloe è davvero una brava ragazza e ha carattere, quando si mette in testa una cosa…riuscirà a risolvere i misteri?

Non vi dico altro perchè ho già detto troppo.

Sono rimasta piacevolmente affascinata da questo libro, scritto molto bene. Mi ha emozionata e più di una volta mi sono ritrovata a dare suggerimenti ai personaggi, che sono anche complessi e ben definiti.

L’autrice scrive con maestria di sentimenti, di piatti (era una tortura spesso non sapere di cosa parlava e doverlo andare a cercare su google) e il fatto che abbia inserito oltre alla storia d’amore, anche un bel mistero da risolvere ha dato sicuramente un plus aggiuntivo al libro che nonostante sia abbastanza lungo si legge che è una meraviglia.

Devo dirvi quindi che leggere Vieni via con me è stata una piacevole scoperta per questo ve lo consiglio. Fatemi sapere che ne pensate.

Buona lettura e a presto

Terry

Vuoi ricevere in anteprima le nostre uscite ?

Trama

Vieni via con me – Francesca Redolfi

Cloe ha un solo obiettivo nella vita: finire l’università e diventare, un giorno, un’insegnante. Finché non accade l’imprevisto.

Sua madre viene licenziata e lei, costretta dalle circostanze, si trova a dover lavorare come cameriera. Così, in un freddo giorno di primavera, s’imbatte nell’insegna del Dandelion, un ristorante di prestigio collocato in un’antica villa appena fuori città.

Con l’aiuto di Enzo, il proprietario del Dandelion, Cloe impara a fare la cameriera e ad amare questo mestiere. E forse anche quell’enigmatico capo con gli occhi scuri.

Ma con il passare dei giorni, tra delizie di canapè e creme ganache, cioccolato grezzo e stelle di carambole, e accompagnata dall’aroma fruttato, speziato e legnoso di vini e liquori pregiati, Cloe si rende conto che dietro quella villa del Settecento si celano fitti misteri.

 

Cosa ci sarà mai nella vecchia cantina, dove Enzo le impedisce tassativamente di andare? E cosa si nasconde dietro la forte rivalità tra il Dandelion e il suo principale concorrente, il Solari?

Per scoprirlo, Cloe dovrà scavare tra taciuti segreti di famiglia. E capire anche che a volte la cucina assomiglia all’amore, più di quanto non si creda.

Vieni via con me – Francesca Redolfi
Buona lettura, Terry.

Se ti è piaciuta questa recensione ti consiglio di acquistare questo libro direttamente su Amazon  Cliccando qui

Ringraziamo di cuore a tutti quelli che continueranno a sostenerci seguendoci e per chi farà una piccola donazione! Grazie di cuore!