Questi brani composti da Giulio Caccini (Tivoli 1550 circa – Firenze 10 dicembre 1618) vengono riproposti in chiave jazzistica e classica attraverso l’originale canto con inserimenti improvvisativi.

 
Marco Pasetto: clarinetto
Giannantonio Mutto: pianoforte